Ecco la prima di una breve serie di lezioni per chi si avvicina per la prima volta al mondo delle riparazioni fai-da-te. Perché come direbbe un buon tecnico/meccanico: “Ogni operazione vuole l’attrezzo giusto“. Perché è importante? Ve lo spiego con un esempio semplice semplice. Non usare il cacciavite della giusta dimensione potrebbe farvi “spanare” la vite, ovvero consumare la sua geometria, fino a rendere impossibile la presa del cacciavite (nella peggiore delle ipotesi). In alcuni casi è possibile usare una pinza per poter fare presa dall’esterno, mentre in altri no come nel caso del Nokia N8. Ha delle viti Torx. Le viti però non sono “in superficie” ma si trovano all’interno di un canale di plastica. Bene, anzi, male. Perché nella malaugurata ipotesi che una vite dovesse spanarsi, com’è successo a me, per poter rimuoverla dovreste letteralemente scavare all’interno del canale. E non sarebbe proprio uno di quei lavori che uno definirebbe impeccabile.

Detto questo, cominceremo con i principali tipi di viti/cacciaviti di uso comune che è possibile incontrare nello smontaggio dei nostri oggetti da riparare.

Tipi di viti

Tipi di viti. Da sinistra: Torx, Taglio, Pozidriv, Croce, Esagonale

Vite con testa a taglio

Ve la metto solo per ragioni storiche. Non l’ho mai trovata in nessun componente elettronico che ho smontato. Forse perché è facile che il cacciavite perda la presa e scivoli su componenti vicini.

 

Vite con testa a croce – Tipo Philips

È quella che definirei “intramontabile“, un sempreverde. Forse la più usata in assoluto. Si trova in quasi tutti gli apparecchi elettronici: portatili, fotocamere, schede interne dei cellulari.

 

Vite con testa a stella – Tipo Torx

Vite Torx

Vite Torx

È ormai il tipo di vite più importante per quanto riguarda gli smartphone e i telefoni cellulari. Ha un foro con una stella a sei punte. Credo sia stata impiegata per evitare la manomissione (e forse anche lo “spionaggio industriale”, inizialmente). Ormai i cacciaviti torx si trovano facilmente su ebay a prezzi davvero contenuti.
È molto importante la grandezza del cacciavite, come dicevo all’inizio dell’articolo. Le dimensioni sono definite da una T seguita da un numero che cresce al crescere della dimensione della testa della vite.

Qui sotto una tabella con le relative dimensioni e la massima forza applicabile durante l’avvitamento (fonte: http://www.wihatools.com/Marketing/torxspec.htm)

Grandezza Pollici
P to P
Metrico
P to P
Massima forza applicabile
T1 .031 .81mm .02 to .03 N m
T2 .036 .93mm .07 to .09 N m
T3 .046 1.10mm .14 to .18 N m
T4 .050 1.28mm .22 to .28 N m
T5 .055″ 1.42 mm .43  to .51 N m
T6 .066″ 1.70 mm .75 to .9 N m
T7 .078″ 1.99 mm 1.4 to 1.7 N m
T8 .090″ 2.31 mm 2.2 to 2.6 N m
T9 .098″ 2.50 mm 2.8 to 3.4 N m
T10 .107″ 2.74 mm 3.7 to 4.5 N m
T15 .128″ 3.27 mm 6.4 to 7.7 N m
T20 .151″ 3.86 mm 10.5 to 12.7 N m

Vite con testa Tri-Wing

È sempre una vite antimanomissione che ho trovato soltanto nei dispositivi portatili Nintendo e in alcuni caricabatterie di fotocamere e di cellulari. Anzi, ora che ci penso l’ho trovata anche nell’HTC HD Mini, e Grazia.
Presenta una testa a tre punte, con o senza spazio triangolare centrale.

Vite Tri Wing

Vite Tri Wing



  1. armando (Rispondi) il 19 settembre, 2014

    obiettivo Lordomat -Leidolf: Schacht-Travenar 1:4/135 atacco a vite 39, come smontare?

  2. armando (Rispondi) il 19 settembre, 2014

    come smontare l’ obiettivo Lordomat -Leidolf: Schacht-Travenar 1:4/135 atacco a vite 39?

  3. armando (Rispondi) il 5 settembre, 2014

    cerco lo smontatore di obiettivo Lordomat -Leidolf: Schacht-Travenar 1:4/135 atacco a vite 39


*