“Controllare lo stato di un obiettivo”. Se siete su questa pagina vuol dire che è capitato anche a voi. Un messaggio per niente rincuorante soprattutto se, come me, eravate a 1900 metri sul livello del mare ed avevate in mente di fare qualche bella foto panoramica ad alta quota (una volta raggiunta la cima).

Ma può succedere. E non è bello.

Olympus - Controllare lo stato di un obiettivo

Il messaggio incriminato sulla mia Olympus E-P3 – in Italiano

 

Olympus - Controllare lo stato di un obiettivo

Il messaggio incriminato sulla mia Olympus E-PL1 – in inglese – “Please check the status of a lens”

 

Questa non è la storia di quel giorno e del mio Olympus 14-42 II R, ma di quello che è venuto dopo, di quello che ho scoperto.

Sintomi

La prima cosa che ho notato: appena sbloccato, alla lunghezza focale di 14 mm, l’obiettivo non dà alcun problema. Mi allontano, 18, 20, 23, 24 noooooo… Il problema si presenta da 23 mm (circa) in poi.

La prima cosa che ho pensato: sarà un problema di contatti. SBAGLIATO. Ho pulito i contatti con l’alcol ed ho provato l’obiettivo in un altro corpo macchina. Niente.

La seconda cosa che ho notato: se imposto la macchina in “manual focus” l’obiettivo supera tranquillamente i 23 mm e posso anche scattare foto, ma fuori fuoco. Appena provo a mettere a fuoco manualmente ricompare la solita scritta.

“Controllare lo stato di un obiettivo”.

Perciò il problema dipende dalla messa a fuoco, è qualcosa che ha a che fare con il meccanismo della messa a fuoco.

Resta da capire se c’è una soluzione anche perché, come ho detto, curiosamente il problema con la messa a fuoco si verifica solo a lunghezze focali superiori a 23 mm. Perché? Da cosa può dipendere? Era questo che volevo capire…

Per farlo ho deciso di smontare l’obiettivo e vedere se della polvere o qualche ingranaggio fuori posto aveva in qualche modo compromesso i piccoli meccanismi di messa a fuoco dell’obiettivo.

Quella che trovate qui sotto è la guida per smontare l’obiettivo e magari aiutarvi a ripararlo.

ATTENZIONE: Smontare un obiettivo non è così semplice come potrebbe sembrare.

  • Se non avete almeno una minima conoscenza nello smontare dei piccoli oggetti non fatelo.
  • Leggete TUTTA la guida PRIMA di cominciare a smontare l’obiettivo per capire se fa al caso vostro.
  • Colgo l’occasione per ricordarvi che SMONTANDO L’OBIETTIVO INVALIDARETE L’EVENTUALE GARANZIA. Perciò, se il vostro obiettivo dovesse essere ancora in garanzia, rivolgetevi ad un rivenditore Olympus autorizzato.

1. Rimozione innesto micro 4/3

L’innesto a baionetta micro quattro terzi è molto semplice da smontare. Basta svitare le poche viti a vista. In realtà, basterebbe svitare solo le 4 più esterne ma, per la ragione che sto per spiegarvi, cominceremo dallo svitare le due centrali e quella laterale che nella galleria seguente ho segnato in rosso. Le due viti centrali e quella laterale hanno il compito di mantere un piccolo pezzo di plastica che blocca i contatti necessari al funzionamento e al riconoscimento dell’obiettivo da parte del corpo macchina. Le quattro viti che ho segnato in verde, invece, rimuoveranno l’innesto micro4/3 vero e proprio.

Slideshow:
Fullscreen:

Notate l’ultima foto della galleria. Quei piccoli anelli metallici si trovano posizionati vicino i canali con la filettatura delle 4 viti più esterne. Ricordatevi di posizionarli correttamente quando rimonterete l’obiettivo.

2. Rimozione Scheda Elettronica

Il motivo per cui era indispensabile svitare anche le viti segnate in rosso è che NON è ancora possibile rimuovere la scheda madre. A meno che non abbiate un saldatore. Lo capirete dalla foto seguente…

Olympus Zuiko - logic board

Potete notare come mi si sia già staccato il cavo rosso (ho comunque smontato l’obiettivo più volte e fatto parecchie sollecitazioni).

Come potete vedere ci sono tre fili (uno bianco, uno rosso e uno azzurro) che collegano la scheda principale ad una piccola scheda ficcata all’interno dell’obiettivo. Per poter rimuovere la scheda elettronica principale ora (come sarebbe logico fare) sarebbe necessario dissaldare questi tre fili, indipendentemente dalla scheda principale o da quella secondaria.

Comunque, mettiamo caso che non abbiate un saldatore: si può andare avanti lo stesso. Come prima cosa scollegate i tre cavi flat che si vedono.

Olympus Zuiko - scheda elettronica

Dopodiché svitate le due viti segnate in rosso.

Olympus Zuiko - scheda elettronica - viti

ATTENZIONE: NON TIRATE la scheda madre perché non è possibile rimuoverla se non avete dissaldato i tre cavi di cui vi ho parlato

3. Rimozione lente posteriore

Sinceramente NON è necessario rimuovere la lente ma CONSIGLIATO. Io l’ho fatto perché, non avendo un saldatore, avrei finito per graffiarla con la scheda elettronica che oscillava là intorno.

Bisogna semplicemente svitare le tre piccole viti che ho segnato nella foto successiva.

Olympus Zuiko - rear lens

Olympus Zuiko - rear lens - 2

4. Rimozione ghiere laterali

Veniamo ora alla parte più divertente. Quando dico “divertente” intendo “ingegnosa”: quella che mi ha dato più filo da torcere. Scovare il metodo per smontarla è stato difficile ma stimolante. Scriverò alcuni punti fondamentali qui sotto mentre troverete tutte le foto nella galleria seguente.

  1. Rimuovere il fermo con l’aiuto di un coltellino o di una pinzetta.
  2. Sbloccare l’obiettivo e impostare la lunghezza focale a 14 mm.
  3. Ruotare in senso antiorario l’anello più esterno fino a che i solchi (che ho segnato in verde nelle foto in galleria) si troveranno perfettamente in linea con i canali della filettatura delle viti. Non è un lavoro di precisione; basta arrivare al limite estremo.
  4. Sfilare l’anello più esterno.
  5. Impostare la lunghezza focale a 42 mm.
  6. Sfilare la ghiera di selezione della lunghezza focale.
  7. Per comodità, potete richiudere l’obiettivo ruotando lateralmente l’apposito perno.
  8. Svitare il perno che serve a regolare la lunghezza focale.
  9. Svitare le tre viti nel lato posteriore dell’obiettivo.
  10. Sfilare la gabbia in plastica, con la relativa ghiera di messa a fuoco, facendo passare al suo interno la scheda elettronica (sempre ammesso di non aver avuto il saldatore per dissaldare quei tre, ormai famosi, cavi).
Slideshow:
Fullscreen:

 

Se tutto è andato bene dovreste trovarvi quanto segue…

Olympus Zuiko - smontaggio

5. Rimozione lente frontale

A questo punto potete subito togliere l’anello metallico che si vedeva nella foto precedente così da poter lavorare meglio. Come potrete vedere dalla foto sono rimasti due cavi flat. Vi dico subito che uno serve al funzionamento del meccanismo di messa a fuoco, l’altro a gestire l’apertura focale dell’obiettivo.

Olympus Zuiko - rimozione anello metallico

Da adesso in poi OSSERVATE bene le posizioni in di riferimento dei componenti perché quest’ultimo BLOCCO sarà il più complicato da assemblare. Devo anche ammettere che anche per me è ancora difficile rimontarlo al primo colpo.

Per cercare di aiutarmi ho posizionato l’anello che copre la slitta dove si inserisce il paraluce nella posizione che vedete in figura, cioè vicino a dove si avvita l’anello cilindrico che serviva a far funzionare il selettore della lunghezza focale.

Olympus Zuiko - blocco centrale

Ruotando in senso antiorario facendo presa dalla piccola sporgenza di cui vi avevo appena parlato, arrivate a posizionare la linea grigia (o nera, se avete l’obiettivo silver) in linea alla sporgenza; più o meno così…

Olympus Zuiko - blocco centrale - 2

Sarà grossomodo questa la posizione da cui dovrete partire per rimontare l’obiettivo….

A questo punto potrete rimuovere facilmente la lente (sarebbe più corretto dire “l’elemento”) frontale…

Olympus Zuiko - frontal element

 

6. Rimozione “cilindro con scanalature”

Ho battezzato come nome “cilindro con scanalature” perché non saprei in che altro modo chiamarlo: è la parte più importante del meccanismo che posiziona correttamente gli elementi centrali dell’obiettivo rispetto alla lente frontale man mano che varia la lunghezza focale.

Qui non ho molte indicazioni da darvi se non di natura visiva. Ho fatto una galleria con una serie di foto per mostrarvi la posizione delle scanalature rispetto a dei tagli nei pezzi più interni dell’obiettivo. [Quando avrò un attimo di tempo proverò a scrivere delle indicazioni più precise].

Slideshow:
Fullscreen:

MI RACCOMANDO: ancora una volta state attenti alla scheda elettronica dell’obiettivo.

7. Rimozione finale scheda elettronica e meccanismo di rilevamento lunghezza focale

Il titolo del paragrafo è uno spoiler. Finalmente vi dico a cosa serviva quella schedina a cui erano saldati i fili rossi, bianco e blu.

Basterà svitare la vite segnata in rosso nella seguente foto e avrete finalmente rimosso la scheda madre.

Olympus Zuiko - rilevatore lunghezza focale

Olympus Zuiko - rilevatore lunghezza focale - 2

Ebbene, man mano che girate la ghiera e passate da 14 fino a 42 mm chi credevate che diceva all’obiettivo a che lunghezza focale era impostato? Proprio lui… Ora, vi starate chiedendo: è davvero un pezzo indispensabile? No. Ho notato che se anche i fili rosso, blu e bianco non sono saldati ovvero se anche la piccola scheda non dovesse essere montata il vostro corpo macchina continuerebbe a riconoscere l’obiettivo MA avrebbe due problemi:

  • Non saprebbe a che lunghezza focale siete
  • Non saprebbe che apertura focale avete

Non ricordo di preciso se la lunghezza focale sarebbe sempre 14 mm… ricordo che l’apertura partirà sempre da f/3.5 anche se impostato a 42 mm (dove dovrebbe essere f/5.6). Naturalmente sarebbe solo un problema di dati EXIF nelle vostre foto, ma le caratteristiche ottiche dell’obiettivo sarebbero sempre le stesse.

Nella galleria seguente un po’ di foto per capire com’è fatto.

Slideshow:
Fullscreen:

8. Diaframma e meccanismo di messa a fuoco

Siamo arrivati al cuore dell’obiettivo dove si trovano i componenti più piccoli; mi riferisco al diaframma e al piccolo motorino elettrico che lo comandano e al meccanismo di messa a fuoco che sposta la lente centrale avanti e indietro.

Di nuovo, inserirò una galleria per mostrarvi tutti i componenti.

L’importante è che notiate i due cavi flat (di cui prima vedevate soltanto le estremità). Uno, quello più lungo, è quello che porta al motorino che controlla il diaframma e l’altro, quello più corto, è quello che collega il motorino che sposta la lente centrale per la messa a fuoco.

  • Entrambi i cavi possono essere sfilati dalla gabbia più esterna
  • Sfilati i cavi si può sfilare la parte più interna
  • I motorini sono SALDATI ai cavi
  • I cavi passano per delle fessure piccolissime e sono incollati
Slideshow:
Fullscreen:

9. Allora il problema dov’è??

Bene, anzi male.

Sono arrivato fino a qui ma polvere non ne ho trovata. I meccanismi funzionano tutti bene. Ho smontato tutto ma non si vede niente. Il problema dov’è???

Ve lo faccio vedere subito.

Ogni volta che si sblocca/blocca l’obiettivo o si varia la lunghezza focale i cavi del diaframma e di messa a fuoco sono sottoposti a continue sollecitazioni.

 

Olympus M. Zuiko 14-42 II R Focus flat cable - 1

Ricordate il cavo flat della messa a fuoco?

 

Bene, ora guardandolo più da vicino ho notato questa specie di “piega”…

Olympus M. Zuiko 14-42 II R Focus flat cable - 2

 

Ed effettivamente, guardandolo di lato….

Olympus M. Zuiko 14-42 II R Focus flat cable - 3

 

Considerando che man mano che l’obiettivo si allunga la piega si fa più importante questo spiega perché il problema si verifica soltanto a lunghezze focali maggiori di 23 mm….

Ora, la domanda è: il pezzo si può sostituire?

Teoricamente sì. Su internet (eBay) si trova anche il pezzo ad un prezzo contenuto.

Praticamente non lo so. Non ho comprato il pezzo. Non so se sarei in grado di farlo per via di quello che vi ho detto prima riguardo le saldature e la colla usata.

 

E voi? Che ne pensate?



  1. Jan (Rispondi) il 4 dicembre, 2016

    Finally I repaired this lens…

    I found same sensor in some compact camera. Orientation of sensor is green dot (mark of IR diode) to end of cable. Now lens is working as expected. I dissassembled this lens for about 4 times as on last attemp lens started working again. I suggest to anybody wants to repair this lens, to do tests before assemble lens, because if you connect assembled focusing element with flex cable and potentiometer to camera, then camera should start normally. After this test, you can say, that flex cable is working.

    Soldering of sensor is not so easy, but hardest part is soldering of focusing motor and place sensor back to body.

    Jan

  2. Jan (Rispondi) il 8 novembre, 2016

    Please do you remember how is sensor placed on flex cable? I was able to recover sensor parts, but I do not exactly know, how it is placed. one side has green dot, second side has blue dot.

  3. Jan (Rispondi) il 8 novembre, 2016

    Hi all.

    It is almost impossible to release led sensor from flex cable at the end of dissasembly. I destroyed it myself and I do a lot of electronic repair. I was very carefull, but releasing glued sensor from this hole is very hard work.

    So, repair of this lens are almost impossible, unless we got new sensor.

  4. Marinus (Rispondi) il 23 settembre, 2016

    Same here. “please check the status of a lens” comes up if I try to zoom past 30mm. We had a similar problem with a Nikon 1 10-30mm lens, but at least Nikon had the decency to start a recall and still to this day fixes that lens for free. Olympus on the other hand has apparently given up on this piece of $%1§. Stay away from this lens!

  5. Anne Wijbenga (Rispondi) il 11 luglio, 2016

    I had the same problem during last holiday (two weks ago). It really is a nuissance, so I wrote to Olympus, the Netherlands. They adviced me to clean the contacts between lens and body. Itook one of those sticks to clean inside your ear and added a bit of contact spray on the cotton. Cleaned the contacts from the body and from the lens, tada,… this solved the problem for me. I hope it does not return quickly.

  6. Abe Berea (Rispondi) il 6 gennaio, 2016

    Bravo! Grande!

    Grazie a te ho preso il coraggio per tentare la riparazione ed ora…. Funziona!

    Il pezzo (definito: “aperture flat cable”) si trova su eBay.

    La colla è una specie di silicone che viene via usando la punta di uno stuzzicadenti e rimpiazzandola dopo con colla neoprenica vulgaris (una gocciolina data sempre con la punta dello stuzzicadenti), ma non è necessario scollare il quadratino di plastica.

    Elenco dei punti critici (e difficili!) dove è quasi insostituibile l’ausilio di un microscopio che ingrandisca almeno 10 volte e un paio di pinzette a punte finissime (vanno bene anche quelle per le sopracciglia a punta asimmetrica):

    – togliere e rimettere le 2 mollettine che sostengono il gruppo lenti del gruppo motore per poter sfilare il motore;
    – dissaldare (e risaldare al nuovo flat) il motore (occhio a non fondere i microscopici supportini dove sono avvolti il fili del motore, che sono in plastica);
    – scollare dal gruppo motore, smontare e dissaldare dal flat il sensore di posizione senza romperlo (è una microscopica coppia led-fotodiodo) saldata al termine del flat che ha un verso di posizionamento marcato con un minuscolo puntino verde (prenderne nota per orientarlo);
    – saldare il sensore al nuovo flat;
    – piegare il flat lato sensore per farlo entrare nella fessurina dov’era infilato prima.

    Per dissaldare (e saldare) ho usato il saldatore a pile che vendono al LIDL: punta molto fine e ottima maneggevolezza senza cavi al giro.
    Se ce la faccio poi posto qualche foto.

    Ciao!!! Abe

    • erkinson (Rispondi) il 13 gennaio, 2016

      WOW!
      Sono questi i commenti che vorrei sempre leggere sul sito. Io mi ero dato per vinto al cospetto delle due mollettine e del sensore di posizione da dissaldare…

    • Giulio (Rispondi) il 25 novembre, 2016

      Ciao volevo chiederti se perfavore puoi mettere il link del pezzo(aperture flat cable) da sostituire Grazie.

  7. Siddhu (Rispondi) il 11 dicembre, 2015

    Olympus e pm1 please check the status of a lens how to repair

  8. Miguel Albano (Rispondi) il 22 novembre, 2015

    Hi, I also had the exact problem that you describe.

    The fix sounds a little difficult and puts at risk the lens.

    Should I use it until de 25mm or try? Is the fix expensive if done buy a technician?

    Thank you.

  9. Toontyke (Rispondi) il 22 settembre, 2015

    Thankyou for publishing this investigation.
    I have had two lenses of this type with the same error message after about 1 year of regular use at weekends etc. I’ve normal family use. and you are the first person I have seen doing a strip-down of the lens to discover the problem.

    Olympus need to acknowledge the issue. I suspect this problem affects every one of these lenses. I am planning to buy a Panasonic to replace the Olympus lens because it’s really totally out of the question to buy more from Olympus.

    It’s a shame that such a useful and compact lens lasts so little time.

    • HHGeek (Rispondi) il 10 aprile, 2016

      Agree with everything you’ve written. My lens is currently with Olympus for repair because I’m not comfortable with attempting a fix like this myself, and for now it’s more cost-effective to get the repair than to replace the lens.

      (If anyone’s reading this in the UK & is interested, the official estimate for repair is £77 incl. VAT, labour, parts, & warranty. I don’t yet know how long the warranty will last.)

      Thanks to erkinson for the post.


*